mercoledì 28 maggio 2014

Cose belle e utili da Pinterest

Oggi non sarò io a parlare. Ho raccolto un po' di cose interessanti senza un preciso criterio, a caso per dirla in parole povere. Penso di non averlo ancora fatto, un post dedicato a questa immensa fonte di ispirazione che è Pinterest. Milioni di foto dietro alle quali si nascondono milioni di universi. Basta saperlo usare in modo intelligente e ricordarsi di citare sempre la fonte delle immagini condivise. Io sono andata a spulciare gli ultimi pin per voi ed ecco cosa ho trovato:

La casa di Jamie Beck, che potete trovare sul sito Ann Street Studio insieme a Kevin Burg. La casa è meravigliosa e il sito interessantissimo perchè non solo parla di moda, bellezza e viaggi, ma propone anche una nuova forma di rappresentazione digitale, a metà strada tra la foto e il video, che loro chiamano Cinemagraphs. Non potete perdervela!

Il titolo è questo: Foto fai da te delle creazioni handmade: cosa fare e cosa non fare. L'autrice è Cristiana di farecreare.it. Il post sarà davvero utile, sia a chi vuole presentare le proprie creazioni negli shop online, sia a tutti quei blogger a cui piace raccontare non solo con le parole ma anche con le immagini. Cristiana dice che non è necessaria un'attrezzatura costosissima per fare delle belle foto, e lo dimostra realizzando questa guida illustrata con un semplice Ipad. E tra qualche giorno sul suo sito potrete trovare la seconda puntata.
"Sii qualcuno che faccia sentire tutti qualcuno". Che sotto a questa frase si nasconda una strategia di marketing? Ne lascio a voi l'interpretazione. La fonte è questa, ma il design l'ho realizzato io.

Questa decorazione un po' bohemien proviene dal sito Green Wedding Shoes, che come potete immaginare ha come tema principale il matrimonio. Nel sito infatti viene utilizzata per abbellire le sedie al ricevimento però io trovo che sia perfetta anche appesa alla parete così come si vede nella foto qui sopra.

Il designer californiano David Kitz ha ideato questa lampada minimal in ceramica quando era ancora uno studente. Il suo nome, nonchè quello del sito dove potete trovarla è L-Lamp, per la caratteristica forma a elle. Può essere appoggiata in orizzontale o appesa in verticale ed è disponibile in vari colori. Sembra che abbiano avuto grande successo visto che il negozio ha esaurito tutte le scorte!

6 commenti:

  1. Bello bello bello! Mi piace la frase, si secondo me racchiude una strategia di marketing perché sono convinta che fare in modo che gli altri si identifichino in te o in quello che proponi sia la carta vincente!
    Per quanto riguarda la lampada... mi auguro lo stesso finale di questo giovane designer ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna sono contenta ti sia piaciuta questa raccolta, non volevo semplicemente condividere delle belle immagini fini a se stesse ma qualcosa che fosse anche utile e di ispirazione...

      Elimina
  2. Ciao sono Cristiana di Modaearredamento. Ti ho nominata per un premio / riconoscimento che si chiama LieberstAwards perchè mi piace il tuo blog e trovo che sia proprio ben curato.

    Le regole prevedono che, oltre a rispondere alle domande proposte, ogni blog nominato a sua volta ne indichi altri. e io ho scelto anche il tuo blog.

    Questo è il link al post uscito oggi e che spiega il premio nomination http://www.modaearredamento.com/2014/06/premio-blog-felicita/

    Se in passato lo hai già ricevuto, bene vuol dire che siamo in molti a seguirti. Ciao e a presto

    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Cristiana!!! Vado subito a vedere! :-)

      Elimina
  3. Bello bello bello! Mi piace la frase, si secondo me racchiude una strategia di marketing perché sono convinta che fare in modo che gli altri si identifichino in te o in quello che proponi sia la carta vincente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione! Però far sentire importanti gli altri alla fine fa star bene anche noi stessi :-)

      Elimina

Lo so che vai di fretta e non hai tempo da perdere, ma i tuoi commenti non mi servono per nutrire il mio ego. Mi servono per conoscerti, per capire i tuoi gusti, per sapere di cosa hai bisogno e quali problemi vuoi risolvere. Raccolgo questi dati con amore e poi li uso per scrivere nuovi articoli che possano esserti sempre più utili.
Dacci dentro!