lunedì 8 settembre 2014

Trasformare una casa shabby in una casa in stile scandinavo

Oggi voglio raccontarvi il percorso che io e Pina abbiamo intrapreso dopo la sua richiesta di aiuto. Pina ha una bella casa arredata da lei stessa in stile shabby chic, ma ultimamente si sente molto attratta dallo stile scandinavo; mi ha chiesto allora di aiutarla a capire se la sua casa la rappresenta davvero.
Ho deciso di farle svolgere quattro semplici esercizi, eccoli qua:

Per prima cosa Pina ha scelto alcune immagini di interni che le piacevano, di getto, senza pensarci troppo.


Poi ha dovuto scegliere tra una selezione di immagini che ho preparato io. Queste sono quelle che le sono piaciute:


E queste quelle che ha scartato:


A questo punto le ho chiesto di mostrarmi le parti di casa sua che le piacciono e quelle che vorrebbe cambiare; La sua stanza preferita è la cucina mentre non la convince il tavolino in ferro battuto, la parete attrezzata e la bacheca che separa l'ingresso dalla cucina.


Infine le ho mandato alcune immagini di verifica tra cui ha scelto queste:


E ha scartato queste:


Forse queste immagini vi sembreranno tutte molto simili ma in realtà, guardandole con occhio attento, ho potuto capire molte cose.

COSA LE PIACE
COSA NON LE PIACE
I dettagli in legno
I colori scuri e accesi
I colori pastello
I dettagli troppo rustici
I materiali lucidi come metallo e marmo
Il legno eccessivamente decapato
Gli ambienti lineari
Gli ambienti eclettici con molti oggetti
Il bianco
Lo stile troppo moderno e minimalista
La leggerezza degli arredi


Confrontando questi risultati con le foto della sua casa mi sembra di capire che nel corso del tempo i suoi gusti sono leggermente cambiati. Quando ha rinnovato gli arredi ha puntato tutto sullo shabby chic più puro (tra l'altro benissimo) ma forse oggi sente il bisogno di quel tocco di freschezza tipico dello stile scandivavo. Cosa mi porta a dire questo?
  1. Nelle immagini che ha scelto prevale sempre il bianco puro piuttosto che il beige o il bianco sporco tipici dello stile shabby (e molto presenti in casa sua);
  2. Non ha scelto neanche un'immagine in cui ci sia un mobile decapato;
  3. La parte della sua casa che le piace di più è la cucina, che è anche quella più moderna;
  4. Il tavolino in ferro battuto non la convince.
Non volevo convincerla a cambiare tutto dopo tanta fatica, anche perchè come ho già detto ha fatto un ottimo lavoro; però le ho dato alcuni consigli per avere una casa che la rappresenti davvero. I diversi stili esistono solo nella teoria, ma nella pratica nessuno ci vieta di mescolarli secondo le dosi che più ci piacciono! In questo caso penso che il suo shabby abbia bisogno di qualche dettaglio nordico e un pizzico di stile francese. Ecco i miei consigli:
  • Sostituire il tavolino in ferro battuto con il baule in legno;
  • Inserire qualche dettaglio colorato, sui toni del rosa o del celeste, come cuscini, candele o utensili da cucina;

  • Sostituire alcuni oggetti "troppo shabby" con altri più moderni;
  • Eliminare  dove può il beige e optare per un bianco più luminoso e fresco (che si abbina con il grigio);

  • Sostituire la parete attrezzata con delle lunghe mensole bianche posizionate in basso.

Per quanto riguarda invece il problema della bacheca che divide l'ingresso dalla cucina, l'unica soluzione, se non vuole eliminarla del tutto, è quella di chiudere il lato che preferisce o con un pannello di legno bianco molto sottile oppure, se vuole ottenere un effetto più moderno, con una lastra di cristallo satinato. In entrambi i casi potrebbe inserire una striscia di luci a led.


In conclusione, questa è la nuova palette di colori che le ho proposto per casa sua:


Tutti gli oggetti selezionati sono stati scelti in base al suo gusto sobrio ed elegante e sopratutto pensati in modo che possano stare bene nella sua casa con i suoi mobili.
Naturalmente Pina ha già ricevuto tutto a luglio, quando mi ha chiesto aiuto, ed è rimasta molto soddisfatta; ecco cosa dice:
"Rivolgendomi a te ho trovato disponibilità, pazienza, cordialità e chiarezza; per me un mix perfetto!"
Anche tu hai bisogno di un consiglio e vuoi ricevere delle soluzioni personalizzate? Contattami!

11 commenti:

  1. Sei bravissima. E io sono proprio una di quelle persone nate shabby e diventate poi nordiche ;)

    RispondiElimina
  2. Ma che bello, hai fatto un gran lavoro di analisi. Tra l'altro conosco la casa di Pina ed è davvero bella e di gran gusto, anche per chi, come me, non ama lo stile shabby.
    Quindi non vedo l'ora di scoprire come evolverà la casa di Pina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente farà un ottimo lavoro! Sono curiosa anch'io ;-)

      Elimina
  3. Grazie di tutte voi <3 (PINA)

    RispondiElimina
  4. Ehi Fiorella ma hai fatto un lavorone! bravissima. Sono anch'io dell'idea che qualche pezzo shabby possa adattarsi allo stile nordico... e viceversa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna! Infatti, l'importante è sentirsi bene in casa propria più che seguire delle rigide regole di stile no? ;-)

      Elimina
  5. Ciao Fiorella!! l'unica cosa che posso dire è.. wow! Complimenti un lavoro pazzesco di analisi "arredopsicologico" !!! Bell'approccio! In effetti facendo così ci si rende conto cosa davvero ci spiace, distinguendo da ciò che "crediamo" ci piaccia! Sarò curiosa di vedere altre "sedute"! E magari all'occorrenza ti chiederò qualche consiglio anch'io! ;) a presto, Stefy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh beh, questi sono i commenti che mi fanno emozionare! Grazie Stefy, se avrai bisogno ti aspetto a braccia aperte :-)

      Elimina

Lo so che vai di fretta e non hai tempo da perdere, ma i tuoi commenti non mi servono per nutrire il mio ego. Mi servono per conoscerti, per capire i tuoi gusti, per sapere di cosa hai bisogno e quali problemi vuoi risolvere. Raccolgo questi dati con amore e poi li uso per scrivere nuovi articoli che possano esserti sempre più utili.
Dacci dentro!